Italian Chinese (Traditional) English French German Russian Spanish

STATUTO ASSOCIAZIONE

Allegato "B" all'atto N. 910 di rep. e N. 708 di racc.


STATUTO


Art. 1) Denominazione – Sede - Durata
E’ costituita un’associazione, senza scopo di lucro, denominata “STRADA DEL GUSTO CREMONESE” con sede presso l’Amministrazione Provinciale di Cremona. L’associazione potrà istituire sedi secondarie anche in altri luoghi, sia in Italia che all’estero, scelti dal Consiglio di Amministrazione e ritenuti utili al raggiungimento degli scopi sociali. La durata dell’associazione è fissata fino al 31.12.2030. L’assemblea degli associati potrà, con propria deliberazione, disporre la proroga della durata o l’anticipato scioglimento dell’associazione.


Art. 2) Scopi
L’associazione “STRADA DEL GUSTO CREMONESE” non ha fini di lucro e persegue l’affermazione dell’identità storica, culturale, ambientale, economica e sociale dell’area di riferimento, attraverso la realizzazione dei seguenti scopi:
a) valorizzare e promuovere il turismo attraverso le produzioni agricole, le attività agroalimentari, la produzione ed il commercio di specialità eno - gastronomiche e le produzioni dell’economia ecocompatibile dell’area di riferimento della Strada del Gusto Cremonese;
b) incentivare lo sviluppo economico territoriale mediante la promozione di una offerta turistica integrata, costruita sulla qualità dei prodotti e dei servizi, e favorire azioni di commercializzazione turistica della “STRADA DEL GUSTO CREMONESE” individuando i mercati o i target, e dotandosi di eventuali strutture proprie adatte allo scopo;
c) valorizzare le attrattive naturalistiche, storiche, culturali ed ambientali presenti nel percorso della “STRADA DEL GUSTO CREMONESE”;
d) proporre una segnaletica informativa di pubblica utilità e di servizio con il logo della Strada del Gusto Cremonese, identificativo dell’area di riferimento;
e) definire un regolamento di qualificazione della Strada del Gusto Cremonese individuando gli standard minimi di qualità per ogni categoria dei soggetti aderenti;
f) esercitare un’azione di controllo sulla rispondenza delle situazioni aziendali e produttive agli standard di qualità;
g) promuovere lo sviluppo di una moderna imprenditorialità, capace e motivata, attraverso la formazione e l’aggiornamento professionale;
h) diffondere l’immagine e la conoscenza della Strada attraverso iniziative promozionali, campagne di informazione, gestione di centri di informazione, azioni di commercializzazione ed attività di rappresentanza nell’ambito di manifestazioni ed iniziative fieristiche;
i) pubblicare materiale promozionale e divulgativo atto alla maggiore diffusione della conoscenza della “STRADA DEL GUSTO CREMONESE”;
j) promuovere il turismo enogastronomico, la Strada del Gusto Cremonese e tutte le forme di attività ad esso collegate, ivi comprese quelle esercitate dalle associazioni per la promozione delle attività culturali, economiche, ricreative, ambientali;
k) rappresentare in giudizio gli interessi dell’associazione e dei singoli associati, qualora convergenti, tutelandone il logo ed il nome in ogni sede; l) svolgere attività di studio e di ricerca per il perseguimento degli scopi sociali;
m) ricercare finanziamenti e contributi ad ogni livello istituzionale per favorire il raggiungimento degli obiettivi sociali;
n) definire accordi di collaborazione con altre Strade o organismi turistici e di formazione turistica di zone vicine.


Art. 3) Soci
Possono essere ammessi a far parte dell’associazione:
a) Produttori singoli ed associati specializzati in produzioni alimentari ed eno – gastronomiche tipiche dell’area di riferimento;
b) Consorzi per la tutela e promozione dei prodotti tipici locali;
c) Organizzazioni professionali di categoria;
d) Comuni, Enti pubblici e privati, interessati al territorio percorso dalla Strada, l’Amministrazione provinciale e la Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Cremona;
e) Enoteche, botteghe del vino e dei prodotti alimentari tipici;
f) Esercenti l’attività di ristorazione e ricettive;
g) Albergatori ed esercenti attività di alloggio extra alberghiera;
h) Esercenti l’attività dell’agriturismo;
i) Imprese artigiane e commerciali con attività strettamente attinenti con gli scopi dell’associazione;
j) Associazioni culturali e turistiche locali con scopi sociali attinenti a quelli della presente associazione e Istituti professionali scolastici dei settori interessati;
k) altri soggetti individuati dall’assemblea, su proposta del Consiglio di Amministrazione, aventi caratteristiche consone alle finalità della Strada del Gusto Cremonese.
Il numero degli associati è illimitato.
Ai fini e per gli effetti del presente statuto, i soci si distinguono in soci fondatori, soci ordinari, soci sostenitori e soci onorari.
I soci fondatori sono coloro che hanno partecipato alla fondazione dell’associazione.
I soci ordinari sono coloro che entrano a far parte dell’associazione dopo la costituzione.
Sia i soci fondatori che i soci ordinari e i soci nelle singole categorie, devono rientrare negli standard di qualità previsti dal disciplinare di qualificazione e sono tenuti al versamento della quota annua per la gestione dell’associazione.
I soci sostenitori sono coloro che, pur non rientrando nelle categorie previste dall’art. 3, intervengono con iniziative di sostegno all’associazione.
I soci onorari sono coloro ai quali lo specifico “status” è stato riconosciuto e conferito dall’assemblea, su proposta del Consiglio di Amministrazione, per particolari meriti acquisiti.


Art. 4) Ammissione
Le domande di ammissione devono essere presentate per iscritto e devono contenere, oltre alle necessarie indicazioni soggettive, la descrizione puntuale delle caratteristiche operative/produttive e la dichiarazione di accettazione delle condizioni del presente statuto e dei requisiti previsti nel regolamento per la categoria e l’attività svolta.
Il Consiglio di Amministrazione decide in merito all’accoglimento della domanda; tale decisione è insindacabile ed inappellabile.


Art. 5) Quote sociali e contributi
Tutti i soci si impegnano a versare:
a) una quota fissa;
b) una quota annuale, diversificata per categoria di appartenenza;
c) un contributo per i servizi che i soci ricevono dalla Strada del Gusto Cremonese secondo quanto approvato dal Consiglio di Amministrazione.
L’entità delle quote è determinata annualmente dall’assemblea degli associati, su proposta del Consiglio di Amministrazione.
Il Consiglio di Amministrazione ha facoltà di proporre all’assemblea il versamento di contributi straordinari per particolari obiettivi.
L’associazione può ricevere contributi finanziari da enti, altre associazioni, da privati, purché utilizzati per il raggiungimento degli scopi sociali.


Art. 6) Obblighi del socio
L’associato si impegna a :
a) osservare pienamente le norme statutarie, regolamentari e le delibere degli organi dell’associazione e a promuovere ed agevolare le finalità sociali;
b) permettere ai componenti e/o agli incaricati del Consiglio di Amministrazione di accedere ai terreni e locali dell’ associato destinati alle attività al fine di consentire i controlli di competenza;
c) accettare che i componenti e/o gli incaricati del Consiglio di Amministrazione compiano verifiche sulla correttezza e veridicità della documentazione presentata dall’ associato come prescritto dalle disposizioni statutarie e regolamentari dell’associazione;
d) comunicare tempestivamente ogni variazione dell’indirizzo e della ragione sociale dell’azienda;
e) effettuare i versamenti di quote e di contributi deliberati entro il termine indicato annualmente dal Consiglio.


Art. 7) Perdita della qualità di socio
La qualità di associato viene meno:
a) per decesso o per scioglimento della società;
b) per cessazione dell’attività;
c) per recesso volontario, da notificare a mezzo lettera raccomandata a.r. inviata al Consiglio di Amministrazione entro il 30 agosto di ciascun anno. Il recesso comunicato nei termini avrà effetto alla chiusura dell’esercizio in corso;
d) per espulsione.
Non vi sono oneri per il socio che si dimette salvo il versamento delle somme ancora dovute.


Art. 8) Espulsione
Il socio che non adempie agli impegni nei confronti dell’associazione o che si renda moroso nel versamento delle quote, contributi e quant’altro o che violi le disposizioni del presente statuto, del regolamento o le delibere degli organi sociali o che comunque provochi un danno agli interessi dell’associazione potrà essere espulso dall’associazione con provvedimento motivato adottato dal Consiglio di Amministrazione.


Art. 9) Subentro
Nel caso di decesso o cambio di proprietà o ragione sociale gli aventi diritto devono presentare domanda scritta di subentro nel termine di sessanta giorni.
La domanda, salvo diversa deliberazione del Consiglio di Amministrazione, è documento valido per proseguire il rapporto associativo con gli stessi diritti ed obblighi del precedente associato.
Il subentrante non è tenuto a pagare la quota di ammissione iniziale.

Art. 10) Organi dell’associazione
Gli organi dell’associazione sono:
a) l’assemblea degli associati;
b) il Consiglio di Amministrazione;
c) il Presidente;
d) il Collegio dei Revisori.


Art. 11) Assemblea degli associati
Nell’assemblea ogni socio fondatore e ordinario, purché in regola con il pagamento delle quote sociali di cui all’art. 5, ha diritto ad un voto.
E’ possibile la delega ad altro socio. Nessun socio può rappresentare più di cinque soci, oltre se stesso.
L’assemblea è convocata dal Presidente presso la sede dell’associazione o in ogni altro luogo purché nell’area di riferimento, quando questi lo riterrà opportuno o su richiesta di almeno un terzo dei soci o negli altri casi previsti dal presente statuto o dalla legge, mediante avviso di convocazione da spedire a mezzo lettera raccomandata a.r., ovvero utilizzando ogni strumento utile di cui sia data prova della ricezione almeno dieci giorni prima del giorno fissato per l’assemblea ordinaria, o almeno venti giorni prima del giorno fissato per l’assemblea straordinaria.
Nell’avviso di convocazione devono essere riportati l’ordine del giorno, la data e l’ora stabilita per la prima e l’eventuale seconda convocazione, nonché il luogo della riunione. L’assemblea in seconda convocazione non potrà aver luogo nello stesso giorno fissato per la prima convocazione.
L’assemblea è presieduta dal Presidente dell’associazione o, in caso di sua assenza o impedimento, dal vice Presidente e, in caso di sua assenza o impedimento, da persona nominata dall’assemblea.
Delle riunioni dell’assemblea deve redigersi il verbale che è sottoscritto dal Presidente e dal Segretario da esso nominato, e/o dal Direttore, se nominato.
L’assemblea è ordinaria o straordinaria.


Art. 12) Assemblea ordinaria
L’assemblea ordinaria:
a) approva il bilancio consuntivo e di previsione dell’associazione;
b) elegge i componenti del Consiglio di Amministrazione;
c) approva il regolamento con gli standard minimi di qualità;
d) impartisce le direttive generali dell’associazione;
e) nomina i membri del Collegio dei Revisori;
f) determina l’ammontare delle quote sociali e i contributi;
g) delibera sugli eventuali emolumenti a chi ricopre le cariche sociali.
L’assemblea ordinaria deve essere convocata almeno una volta all’anno entro quattro mesi dal termine dell’esercizio sociale.
L’assemblea ordinaria in prima convocazione è validamente costituita con la presenza diretta, o per delega, della metà più uno dei soci fondatori e ordinari; in seconda convocazione è validamente costituita qualunque sia il numero degli intervenuti.
Le delibere, sia in prima che in seconda convocazione, sono prese a maggioranza dei presenti.
Nelle deliberazioni di approvazione del bilancio e in quelle che riguardano la loro responsabilità, gli amministratori non hanno diritto di voto.


Art. 13) Assemblea straordinaria
L’assemblea straordinaria delibera:
a) sulle modifiche dell’atto costitutivo e dello statuto;
b) sulla proroga e sull’eventuale scioglimento anticipato dell’associazione;
c) sulla nomina dei liquidatori e sui loro poteri;
d) su qualsiasi altro argomento devoluto espressamente alla sua competenza dalla legge o dal presente statuto.
L’assemblea straordinaria in prima convocazione è validamente costituita con la presenza diretta, o per delega, di almeno i tre quarti degli associati e delibera con il voto favorevole della maggioranza dei presenti; in seconda convocazione è validamente costituita con la presenza diretta, o per delega, di almeno la metà dei soci e delibera con il voto favorevole della maggioranza dei presenti.
Per deliberare lo scioglimento dell’associazione e la devoluzione del patrimonio occorre il voto favorevole di almeno tre quarti degli associati.


Art. 14) Consiglio di Amministrazione
L’associazione è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da un minimo di cinque ad un massimo di quindici membri nominati per la prima volta nell’atto costitutivo e successivamente dall’assemblea. Il Consiglio di amministrazione dovrà essere composto preferibilmente da una rappresentanza di tutte le categorie dei soci.
I consiglieri durano in carica tre anni e sono rieleggibili.
Il Consiglio è investito dei più ampi poteri di amministrazione, sia ordinaria che straordinaria, senza limitazioni, escluso quelle che per legge o per statuto sono demandate all’assemblea.
In particolare:
a) elegge fra i suoi componenti il Presidente e il vice Presidente;
b) nomina l’eventuale ufficio di Presidenza, stabilendone i compiti;
c) nomina il Tesoriere che con il Presidente avrà la firma libera e disgiunta per l'apertura e le operazioni sul conto corrente intestato all’associazione e per tutte le operazioni bancarie di interesse della stessa;
d) redige il bilancio consuntivo e di previsione secondo le disposizioni di legge, corredati da una relazione sull’andamento della gestione;
e) delibera sull’ammissione dei nuovi soci;
d) delibera sull’esclusione dei soci;
g) propone all’assemblea il regolamento con gli standard minimi di qualità;
h) controlla i requisiti degli aderenti;
i) delibera ogni altro atto di amministrazione;
j) nomina il Direttore e delibera, su proposta del Presidente, in merito alla assunzione del personale.
Il Consiglio di Amministrazione è convocato e presieduto dal Presidente o, in caso di sua assenza o impedimento, dal vice Presidente, ogni qual volta questi lo ritengano opportuno e comunque almeno tre volte all’anno. E’ altresì convocato su richiesta di almeno due terzi dei suoi membri.
La convocazione è fatta almeno sette giorni prima della riunione mediante avviso di convocazione da spedire a mezzo di lettera raccomandata a.r., ovvero utilizzando ogni strumento utile di cui sia data prova della ricezione e deve contenere l’indicazione del giorno, del luogo e dell’ora, nonché le materie da trattare.
Le deliberazioni sono assunte validamente con il voto favorevole della maggioranza dei suoi componenti; in caso di parità prevale il voto del Presidente.
Non sono ammesse deleghe.
Il verbale della riunione è redatto dal Direttore, se nominato, ovvero da un consigliere scelto dal Presidente e sottoscritto dal Presidente e dal redattore.
Nessun compenso è dovuto ai componenti del Consiglio di Amministrazione.

Art.15) Presidente e Vice Presidente
Il Presidente
a) rappresenta legalmente l’associazione nei confronti di terzi ed in giudizio;
b) convoca e presiede l’assemblea degli associati ed il Consiglio di Amministrazione;
c) adempie agli incarichi espressamente conferitigli dall’assemblea degli associati e dal Consiglio di Amministrazione;
d) ha i poteri di ordinaria amministrazione, oltre che di conferire procure, previa autorizzazione del Consiglio, per singoli atti o categorie di atti;
e) propone al Consiglio l’eventuale nomina del Direttore e l’eventuale assunzione del personale;
f) conferisce gli incarichi di componente del Comitato Tecnico per la valutazione dei requisiti degli aderenti alla Strada, nonché di collaboratori esterni;
g) vigila sulla conservazione dei documenti e provvede alla conservazione dei verbali delle adunanze dell’assemblea e del Consiglio.
In caso di assenza od impedimento del Presidente questi è sostituito dal Vice Presidente nominato.

Art. 16) Collegio dei Revisori dei Conti
Il Collegio dei Revisori è eletto dall’assemblea ed è composto da tre membri effettivi scelti tra esperti esterni, iscritti al Registro dei Revisori dei Conti.
L’assemblea nomina il Presidente e determina l’eventuale compenso del Collegio.
Il Collegio svolge le funzioni di controllo amministrativo, dura in carica tre anni con possibilità di rielezione.
I componenti del Collegio partecipano alle riunioni del Consiglio di Amministrazione.


Art. 17) Patrimonio e Bilancio
Il patrimonio dell’associazione è costituito dall’ammontare dagli avanzi di gestione, nonché dai beni mobili ed immobili che pervengono all’associazione a qualsiasi titolo.
L’esercizio economico – finanziario chiude il 31 dicembre di ogni anno.
Il bilancio preventivo dell’associazione sarà approvato, salvo casi di particolare e comprovata necessità, entro il 31 dicembre dell’anno precedente rispetto a quello di riferimento.
Il bilancio consuntivo dell’associazione sarà approvato entro 120 (centoventi) giorni dalla chiusura dell’esercizio, prorogabili di ulteriori 60 (sessanta) giorni in caso di particolari necessità od esigenze.


Art. 18) Comitato Tecnico
L’associazione, per verificare i requisiti e il rispetto degli standard minimi di qualità degli aderenti al fine dell’appartenenza alla “STRADA DEL GUSTO CREMONESE”, può nominare un comitato composto da esperti e nominato dal Consiglio di Amministrazione che ne specifica i compiti e le modalità di lavoro.


Art. 19) Tenuta dei Libri
Oltre ai libri espressamente prescritti dalla legge, l’associazione tiene il libro dei soci, i libri dei verbali delle sedute e delle deliberazioni dell’assemblea, del Consiglio di Amministrazione e del Collegio dei Revisori dei Conti.

Art. 20) Scioglimento dell’Associazione
L’assemblea, oltre che deliberare lo scioglimento dell’Associazione, provvede a nominare uno o più liquidatori e delibera sulla destinazione del patrimonio che dovesse residuare dalla liquidazione stessa.
La devoluzione del patrimonio sarà effettuata con finalità di pubblica utilità a favore di associazioni con finalità similari.


Art. 21) Clausola compromissoria
Tutte le controversie derivanti dall’applicazione di questo statuto, che dovessero insorgere tra l’associazione e ciascun associato oppure tra gli stessi associati e/o i legittimi loro eredi, connesse all’interpretazione ed all’applicazione del presente statuto e del regolamento di qualità, nonché quelle derivanti da deliberazioni dell’assemblea o del Consiglio di Amministrazione devono essere sottoposte alla decisione arbitrale di un Collegio di tre Arbitri, di cui uno da nominarsi da ciascuna delle parti ed il terzo, ove manchi l’accordo dei due arbitri già nominati, su richiesta della parte più diligente, dal Presidente della Camera di Commercio I.A.A. di Cremona.
Lo stesso Presidente del suddetto Ente nominerà, sempre su richiesta della parte più diligente, anche l’Arbitro che controparte non abbia potuto o voluto nominare. L’arbitrato sarà rituale e gli Arbitri decideranno secondo diritto.
Per ogni altra controversia è competente il Foro di Cremona.

Art. 22) Marchio
L’associazione adotta un proprio marchio composto da una chiave di violino su sfondo bordeaux culminante con forchetta che indica la Strada del Territorio e l’elaborazione e la degustazione dei prodotti bordata di blu con la scritta “Strada del Gusto Cremonese nella Terra di Stradivari”. Sul lato sinistro a metà altezza campeggia una farfalla presente sul territorio denominata INACHIS IO.
L’uso del marchio è tutelato e regolamentato.


Art. 23) Rinvio
Per quanto non previsto dal presente statuto valgono le disposizioni del codice civile e delle leggi in materia di associazioni volontarie, e potrà essere modificato anche secondo indicazione della Provincia di Cremona e della Regione Lombardia.


F.to Federico Lena
F.to Mauro Boschiroli

 

Clicca qui per scaricare lo Statuto dell'Associazione